Momenti di poesia. Un pomo e poi nacque, di Andrea Patrone

Un pomo e poi nacque…….( l’uomo? )

Lui fece il gesto e nacque l’universo,
tutto cominció a ruotare, diverse le
figure con raggi mai eguali e masse
colorate dai fumi dei vulcani, nulla
aveva il nome, troppe erano le cose
fatte di materia e diversa condizione
ma uniti da una grande rotazione.
Lui fece il gesto e nacque la parola,
ma lei non voleva esser sola.
Prese con la mano un piccolo pensiero,
cosi dette inizio a un fatto che tanti
pensano sia vero, mentre sono sicuro
era nata solo la parola…” futuro.”
Era la prima donna, madre del pensiero
posto dentro al pomo dell’albero del melo.
Dio la fece bella, dolce il sorriso e poi le
offrí una stella, era…. il paradiso.
Tutto era perfetto, ma fuggí il tempo che
dette inizio a uno strano evento.
Lei si nutrí del pomo e poi…nacque l’uomo.

Andrea