Vincenzo Petrocelli

Luna Alejandra,

sei per me, la luce in fondo al tunnel.

Con i tuoi brillanti occhi

e un volto incorniciato, un incanto,

hai provocato un brivido nel mio cuore

che da oggi vive per te

e non sa fermarsi.

La mia terza età è vissuta

come liberazione e rinascita

come l’occasione di prendersi

il tempo di vivere senza scadenze,

di prendersi il proprio tempo

senza più preoccuparsi dell’età.

La luna era assente nel cielo

e sei venuta ad illuminarlo

e, nel mio cielo buio, hai portato

allegria, vitalità, felicità e gioia.

I nonni, Luna Alejandra,

sono una deliziosa miscela di risate

atti premurosi, storie meravigliose, e amore.

Amatissima nipotina,

nonna Rita ha piantato nel giardino

l’ulivo,

per farti godere l’ombra.

Zia Hilde ha cucito la copertina

per ripararti dal freddo

e zia Emilia ha preparato il copricapo

per protezione dal sole.

Francesca e Josè, da oggi, vivono in te

il…

View original post 64 altre parole