Prima colazione Super food, gluten free…

Creando Idee

Secondo un sondaggio eseguito da Doxa l’anno scorso, sarebbero almeno dieci milioni gli italiani che mettono in dubbio la prima colazione  quella all’italiana con tanto di caffè latte e biscotti,  lasciandosi conquistare da una serie di falsi miti e bufale sull’alimentazione e sulla funzione del primo pasto della giornata. C’è chi decide di evitare del tutto la colazione, chi preferisce le proteine ai carboidrati, mentre super food e diffidenza verso glutine e lattosio continuano a fare affiliati. I super cibi di cui si vantano proprietà terapeutiche tra le più disparate, sono una moda dura a morire, anche per quanto riguarda la prima colazione. Ma consumare solo avocado la mattina non ci aiuterà molto. Idem dicasi per la moda “gluten free”,  ma a meno che non siate davvero celiaci non ha molto senso privarsi del glutine. Se proprio vogliamo consumare una colazione perfetta per le nostre esigenze, piuttosto che…

View original post 12 altre parole

BIRRA MORENA

BASILICATA GUSTOSA

basilicata gustosa è stata ospite dello stabilimento di produzione della BIRRA MORENA birra tutta lucana.

_MG_9998

STORIA

Che la birra sia un’arte, la Drive Beer lo sa ed è da questo presupposto che nasce la volontà, nel 1999, della Famiglia Tarricone di rilevare uno stabilimento, voluto negli anni 80 dal principe austriaco Windisgraetz della Famiglia Furstenberg che a sua volta acquisì il Gruppo Prinz Brau, che successivamente negli anni ’90, con il Gruppo della Birra Moretti, furono acquisiti dal Gruppo Labatt.
Successivamente, il Gruppo Moretti-Prinz Brau fu acquisito dall’Interbrau ed infine da Heineken.
Tutto il Know-how e le stesse maestranze dello stabilimento sono state mantenute da Drive Beer, garantendo in questo modo una continuità nell’eccellenza dei brand prodotti .
L’arte della produzione di prodotti fermentati e della gestione dei lieviti è nel DNA della famiglia Tarricone, infatti già agli inizi del 1900, il capostipite Giuseppe Tarricone, aveva diversi vigneti e produceva…

View original post 235 altre parole

– Piccola scienziata –

Pensieri Scritti - l'essenza - io esisto

Chi è più emozionata oggi tra me e te? Lo sappiamo entrambe quanto ti piace imparare cose nuove e quanto a me piace aiutarti e seguirti in questo percorso della tua vita. Sai, ad ogni inizio anno mi trovo ad aiutarti in ciò che apprendi la mattina , mentre ad ogni fine anno mi ritrovo te seduta, di pomeriggio, con la matita tra i capelli che insegni a me. Quante cose cambiano, mutano, crescono. E tu, gioiello del mio cuore, hai raggiunto uno scalino in più. La quarta elementare ti sembrerà un po diversa ma per te so già non sarà un problema. Figuriamoci, dopo che passi un estate a spiegarmi tutti i tipi di uragani ed ogni particolarità di ogni specie animale, amante della scienza e della storia, sono certa sarà un anno entusiasmante. Ti auguro bambina mia, di poter apprendere tanto, perché conoscere la storia è importante per…

View original post 384 altre parole

Guarda “Alessandra Amoroso – La stessa” su YouTube

Antonella Lallo

Testo La Stessa

Ridi, ridi come ridi tu
se ti va puoi restare però
se piove ti prego accompagnami al mare
perché mi dà fastidio
se c’è grigio da giornie ricordare che dall’altra parte del mondo
qualcuno guarda il sole

L’amore si fa non lo si impone
se ti va me lo insegni però
se ho voglia di uscire lasciami fare
perché mi dà fastidio
non muovere un passo
e ricordare che dall’altra parte del mondo
c’è chi toglie i tacchi per ballare

Ora che il vento ci spettina il cuore
dimmi cos’altro ti sembra davvero importante
ora che cambio la giacca e la destinazione
ragazza color autunno non sarò più

Tornerà
la voglia di correre
vestiti così potremmo essere
protagonisti di qualsiasi film
tornerò io
tornerai tu
torneranno le mode
le canzoni d’estate
ma io sarò la stessa
se ci sei tu

Ridi, ridi come ridi tu
se…

View original post 173 altre parole

È nell’infanzia che insorgono, e spesso cronicizzano, le patologie nasali

HarDoctor News, il Blog di Carlo Cottone

È noto come molte specie animali attraverso la percezione degli odori riescano a procacciarsi il cibo, a ricercare la compagna, a delimitare il proprio territorio e a scoprire la presenza di un predatore nemico. Il cervello umano, invece, si è sviluppato maggiormente nel lobo frontale a scapito dei bulbi olfattivi portando di conseguenza a una minore capacità di percepire e riconoscere gli odori perché evolutivamente una maggiore intelligenza ha reso meno necessario basarsi sui sensi, compreso l’olfatto, per sopravvivere. Eppure, nonostante nell’uomo abbia perso qualche importante prerogativa, il naso ha mantenuto la principale ovvero ci consente di respirare e quindi di vivere.

A dispetto di ciò, le malattie che coinvolgono il naso, riniti, sinusiti, poliposi, ecc. ecc., sono spesso relegate a disturbi minori, mentre in realtà la qualità di vita del paziente con sintomatologia nasale non è buona: la cattiva respirazione impedisce di dormire bene con conseguenti ridotte prestazioni scolastiche…

View original post 478 altre parole

Una Donna sa lottare

ORME SVELATE

IMG_20180911_104355.jpgUna donna trova la forza di lottare sempre per chi ama, il problema sorge quando si tratta di lottare per sé stessa. Essere fragile seppur indipendente, essere sottovalutato seppur generatrice di nuova vita. Martire del suo cuore, a volte, portatrice di sogni verso chi la circonda, sempre. Ecco chi è una donna che lotta. È semplicemente quel tipo di donna che ha bisogno di avere con sé chi ama, per avere un valido motivo per voler vincere ogni tipo di male e difficoltà. Non perché voglia aiuto ma perché porta dentro sé un bisogno estremo di sentirsi ancora utile in una vita che non le permette sempre di poterlo essere. Quel bisogno di amare. Una donna che lotta non trascura niente ed impara a non trascurare nemmeno più il suo corpo, la sua mente, il suo spirito. Lo fa, perché vuole fare e dare ancora molto, lo fa, perché è…

View original post 156 altre parole

Trucchi in cucina

Creando Idee

Pulisci mentre cucini ?Non rimandare mai  la pulizia a dopo. Vuoi veramente ritrovarti con una montagna di piatti e stoviglie da lavare dopo una cena? Affronta un passo alla volta e pulisci le superfici con un panno man mano che le utilizzi. Una volta finito di affettare e sminuzzare, getta  le bucce della verdura direttamente nel cestino dell’umido la carta nel cestino e metti il coltello e il tagliere in lavastoviglie. Hai finito con il colapasta? In lavastoviglie. La grattugia non ti serve più? In lavastoviglie. Insomma, hai capito. E quando avrai finito di cucinare? Non vorrai certo metterti a lavare tutto prima di sederti a tavola e gustare la magnifica cena che hai appena preparato! Però puoi già mettere in lavastoviglie le pentole e le padelle, così il piano di lavoro sarà sgombro e pulito. A questo punto potrai goderti la cena sapendo che in cucina non c’è una…

View original post 22 altre parole

Repair Café

Creando Idee

Si dice spesso che i vecchi mestieri si avviano sempre più verso la sparizione definitiva: lo evidenziano i dati e, soprattutto, lo si vede  nelle strade delle città e dei paesi, dove c’è sempre meno posto per quelle botteghe piene di attrezzi dagli usi inimmaginabili, scaffali straripanti di oggetti in disordine e dai pavimenti ricoperti di strani utensili. Negozi dove si era soliti portare tutto quello che ancora non meritava di essere buttato via. I Repair Café  in olanda: una trentina di esercizi distribuiti sul territorio dei Paesi Bassi dove, un paio di volte al mese, è possibile portare a riparare gratuitamente oggetti per la casa, piccoli elettrodomestici, pezzi di arredamento o accessori di abbigliamento. Caffè,te e biscotti vengono serviti ai clienti delle botteghe per rendere l’attesa più piacevole, mentre i volontari si mettono all’opera: sono pensionati o disoccupati, giovani studenti o lavoratori, tutti accomunati dalla passione per «aggiustare…

View original post 182 altre parole

Un villaggio all’interno di una città

Creando Idee

Nel pieno di una metropoli come Parigi non verrebbe mai di immaginare l’esistenza di un villaggio del tutto contemporaneo e al tempo stesso di altri tempi. Un villaggio in cui tutto è a misura d’uomo, ma nel pieno della disponibilità di tutte le caratteristiche logistiche e tecnologiche di una città di oggi. La prima idea del progettista Edouard François nel 2009 stata quella di rispettare l’ambiente e la sua storia, con gli edifici alcuni bassi e altri alti, pre-esistenze piene di vita e prive di pretese.I vicoli stretti e lunghi, residuo della storia agricola della zona, dovevano interrompere l’allineamento della strada e spazialmente definire la trama del tessuto urbano, mentre corridoi verdi avrebbero accompagnato lo sguardo verso il luminoso centro dell’isolato.Il programma progettuale si è chiarito in poco tempo: bisognava realizzare circa 100 nuovi appartamenti sociali e laboratori per artisti, più alcune sale per la comunità e un piccolo ristorante…

View original post 304 altre parole

Venti di poeti, di Grazia Torriglia

18268279_457100074636275_870293639804986670_n 

Venti di poeti, di Grazia Torriglia

Venti di poeti

Questi venti di certi poeti
Corrono tra i capelli
Scompigliano le certezze
Agitano le menti
Confondono parlano gridano e sbuffando
all improvviso tacciono.

Scompaiono nel silenzio
dei versi non scritti
Tacciono risposte a domande
E compongono nuvole di temporali…. Improvvisi e brutali.

Venti di poeti pazzi
Spazzano via la poesia
Di chi ha creduto fossero solamente
Sospiri d amore .

Grazia Torriglia@

Poesia … di Grazia Torriglia

Poesia … di Grazia Torriglia

33489604_649539348725679_7048750135483826176_n

Poesia …

Scritta su fogli su tastiere su pezzi di carta
poi riportata al pubblico parere
ma per chi o perché ho scritto tanto
amore disperazione noia malinconia ?

Tutto si dissolve nel tempo
e si riscrive cambiando forma ma non soggetto
e si ripete …ieri per lui oggi per te.

Domani …chissà domani non ci sarà per chi o per cosa ancora la voglia o l’ispirazione
già si assopiscono i sentimenti
visti e ripetuti nelle opere di altri
si sfaldano si accasciano usati da troppi.

Orme lasciate su infinite battigie
si dissolvono
e si ripetono sempre uguali all’infinito .

gt@

Cespuglio di rose e spine, di Grazia Torriglia

Cespuglio di rose e spine, di Grazia Torriglia

Questo slideshow richiede JavaScript.

Cespuglio di rose e spine
questa vita che mi trascino
al limite della sopportazione
tra ferite di graffi e morsi
cadute e risalite.

C’è troppa stanchezza anche se con anima ribelle
ho lottato e superato ,
ora mancano le forze e la volontà cede.

Troppo avverso fu il seme
che mi portò a vivere
e le stelle non mi furono amiche ,
non è mio questo inutile procedere
nel limbo che mi circonda .

gt@

Un giorno nuovo, di Grazia Denaro

di Grazia Denaro da: http://www.rossovenexiano.com/

E così sei qui

disegnato nell’estate,

scolpito

in un ozio senza superficie. 

Ma ecco il dono,

il meraviglioso dono:

riscopro la tua luce nella gioia

che mi suffraga dalle incertezze

che mi hanno abitato dentro

nell’ultimo periodo. Continua a leggere “Un giorno nuovo, di Grazia Denaro”