Il gatto. Luciano Erba e Giovanni Raboni, recensione di Elvio Bombonato

Luciano Erba

Un gatto intellettuale

Esplora tutte le scatole

perlustra tutti i cassetti

curiosare per decifrare

questo è il gatto ermeneutico

Il suo pensiero forte è miagolare

di notte tra i parafulmini sul tetto

il suo pensiero debole ma sapienziale

ronfare davanti al caminetto

(LUCIANO ERBA)

Il ritratto regale del gatto è un’allegra parodia della filosofia contemporanea, ermeneutica, ma scissa tra il pensiero forte del passato e quello debole del presente (Vattimo-Rovatti). Ironia per accostamento. Il filosofo è il gatto, che esplora (le scatole), perlustra (i cassetti), intento a curiosare per decifrare.

La sua ricerca sapienziale si traduce in comportamento, miagolare sul tetto e ronfare presso il caminetto.  Una quinta rima e una quartina, con – presumibilmente –  3 novenari; 3 endecasillabi, 1 settenario, 1 doppio senario e un 1 doppio settenario. Rime: tetto/caminetto/cassetti; le 4 interne in –are.

foto: https://www.youtube.com/watch?v=XZCLwx53R7M

Giovanni_Raboni_1988

GIOVANNI RABONI

Un gatto più un gatto fa due gatti                                                                                                                 un gatto meno un gatto fa un gatto andato via                                                                                             speriamo che torni presto                                                                                                                                        che non si perda                                                                                                                                                    che non si faccia male                                                                                                                                 che per strada stia attento a non attraversare                                                                                             che trovi sui tetti la strada per tornare                                                                                                       che torni a casa prima di sera                                                                                                                    con la sua bella coda                                                                                                                                         dritta come una coda disegnata

La poesiola, fondata sull’iterazione della congiunzione “che”retta da speriamo, dopo l’incipit infantile, riproduce il parlato quotidiano.  Raboni (1932-2004), uno dei massimi letterati italiani degli ultimi decenni, fu anche un grande traduttore; straordinaria impresa l’intera “Recherche” di Marcel Proust.

foto: https://it.wikipedia.org