Amore d’autunno, di Maria Palomba

Amore d’autunno, di Maria Palomba

Amore d'autunno

Amore d’autunno.

Autunno sei arrivato
con i tuoi colori
un po’ caldi,
un poi freddi.

Tra il giallo ed
il rosso delle foglie,
un sole tiepido
mi avvolge.

Ecco sono qua,
come sempre,
continuo la mia salita
avvolta tra le foglie.

Addio calda estate
ormai trascorsa,
forse troppo in fretta…
di te non ho afferrato tutto il calore.

Continuo la salita,
non mi fermo,
sento il fruscio delle foglie,
sento la tua voce…

Mi dice continua
giungi a me e
sentirai in te
l’altra metà di quel dolce calore.

Con la felicità nel cuore,
seguo quella voce e
mi accorgo che
in cima ci sei tu…

Attendi lì fermo,
essendo che…
Sei l’amore.
M.P.

ERI, di Daniele Gazzarin

ERI, di Daniele Gazzarin

ERI

ERI

A volte accade
d’incontrare persone
che poco hanno da dire
ma tanto hanno da dare.

E quando accade
di questo si ha paura,
paura di rischiare,
e a loro dichiarare.

Dichiarare l’amore
tirando i dadi
per il loro sublime
essere in punta di piedi.

Questo accadde
anni orsono
quando in te mi persi
impaurito dal rifiuto.

Eri la regina
del mio cuore
l’unica vetrina
del mio amore.

Eri la donna
dei miei pensieri
l’unica colonna
a reggere i miei rancori.

Una sola volta ti sentii
e da subito capii
che tra noi non vi era vento
bensì sogno e disincanto.

Nera, quanto la notte stellata
e vera, quanto verità acquisita
tu m’apparivi sotto forma ambrata
nel tremore d’una visita inaspettata.

Per anni ho taciuto,
per anni ho negato
un amor incompiuto,
un amor sacrificato.

Ma oggi
sapendoti libera
t’imploro
sii la mia aurea.

D.Gazzarin

Finita è la guerra, di Claudio Burelli

Finita è la guerra, di Claudio Burelli

Finita è la guerra

Finita è la guerra

Canti e poi balli
nel giorno di festa…
Finita è la guerra
in un campo assolato…
Vino che scorre,
nel sangue disperso,
in nuda terra, dove
cresce ora il grano…
Splende un sole malato
ancor pieno d’orrore,
piange una donna
col suo bimbo
al seno attaccato…
Gelido il vento
impreca la sorte…
Mentre lassu’,
nel castello arroccato,
ridono forte
beffando la morte…

Claudio Burelli

Genova 19 Ottobre 2018

Vibrazioni, di Maria Palomba

Vibrazioni, di Maria Palomba

Vibrazioni

Vibrazioni

Dolce fruscio
tra le foglie
sotto la luna
che le illumina,
le senti vibrare.

Ascolta il loro muoversi,
odi il loro vibrare…
sembrano corpi che
si cercano e si desiderano,
e vibrano all’unisono.

Adesso chiudi gli occhi,
inizia a sognare…
Il vento fa vibrare
la natura mentre
accarezza la tua musa.

Sembrano unirsi
in un’unica danza,
avvolti dal calore
di una luce unica,
che noi chiamiamo….

Passione ed amore.
M.P.

Navigando d’intenti

SempreAdelantando

Ma il mozzo intendeva”La balera”forse:

isola famosa per le sue onde alte e tanghere

nell’andare a riva e per i venti

salseri nel far ballare vascelli svelati…

El capitano mirò nello spampinare di sole

dalle viti dai tralci ondosi di spume a ovest.

Per la vita la colse grappolo succoso e rosato

stagione entrante d’incanti sottotraccia:

Bentornata scherzo di nuvole, moza*

che al cuore doni palpiti;

ben tornata sirena che l’anima

sai scuotere, vibrando cosmo marino;

i frutti sono versi flottanti accorati marosi

narranti del tuo sfrecciare per oceani

lontani. Mi è mancata la tua carezza di coda

per giocare allo schiaffo del marinaio

pel tuo canto ubriaco…” Oltretutto loco**

el capitano si pose a riverir la sera

apprestantesi a far di foschie miraggi

sì che non si dica che, d’autunno, non si abbia

ad incontrare sirena per mare: abbacinante

di seni…

View original post 44 altre parole

L’esercizio aerobico come antidepressivo

ORME SVELATE

Risultati immagini per run saatchi art Run (Sheila Chapman)

Un’analisi di studi clinici controllati randomizzati indica che l’esercizio aerobico supervisionato ha grandi effetti di trattamento antidepressivo per i pazienti con depressione maggiore. La revisione sistematica e la meta-analisi sono pubblicate in Depression and Anxiety. In 11 prove eleggibili che hanno coinvolto 455 pazienti adulti (18-65 anni) con depressione maggiore come disturbo primario, l’esercizio aerobico supervisionato è stato eseguito in media per 45 minuti, a intensità moderata, 3 volte a settimana e per 9,2 settimane. Ha mostrato un effetto antidepressivo complessivo significativamente ampio rispetto ai farmaci antidepressivi e/o alle terapie psicologiche. Inoltre, l’esercizio aerobico ha rivelato effetti antidepressivi da moderati a grandi negli studi con un minor rischio di bias, così come i grandi effetti antidepressivi tra gli studi con interventi a breve termine (fino a 4 settimane) e le prove che coinvolgono le preferenze per l’esercizio. Le analisi dei sottogruppi hanno rivelato effetti comparabili per…

View original post 92 altre parole

Buon NON compleanno a me!

☆ Pensieri Sparsi di una Psicopatica ☆

La verità è che tu ci provi ad affrontare la vita, e l’arrivo dell’inverno, mettendocela tutta. Sei li che programmi le ora che trascorrerai in palestra, i drink che ti concederai nel weekend, il tempo dello shopping e soprattutto le infinite ora che passerai a lavoro. Tu ci provi a non sentire i tuoi pensieri che, a quanto pare, più vengono sedati più ti rendono un qualcosa di febbricitante che oscilla da oggi non posso farcela oggi non mi sento proprio bene,alternando brevi momenti di isterica serenità.

tumblr_mp0kzfbzlr1st6rkio1_500

Succede che cerchi di programmarti le cose, prometti a te stessa che nonostante tutto da domani avrò sempre un pò di tempo da dedicare solo a me stessa. Ti prometti che tornerai a scrivere come facevi un tempo, a guardare serie Tv in streaming, a perdere sonno tardi senza sentirti uno zombie il giorno dopo.

tenor

Succede che arrivi a sera stanca…

View original post 138 altre parole

Essere egoisti rende più poveri

ORME SVELATE

Risultati immagini per Generosity saatchi art Generosity (Mugur Kreiss)

Cosa succede a coloro che si comportano disinteressatamente e fanno sacrifici per il bene degli altri? Secondo uno studio interdisciplinare condotto da ricercatori dell’Università di Stoccolma, l’Institute for Futures Studies e l’Università della Carolina del Sud, le persone generose tendono ad avere più figli e a ricevere stipendi più alti, rispetto alle persone egoiste. I risultati, pubblicati sul Journal of Personality and Social Psychology, sono molto chiari sia nei dati americani che in quelli europei. Le persone più disinteressate hanno il maggior numero di figli e i moderatamente altruisti ricevono gli stipendi più alti. E questo risultato vale anche nel tempo – le persone che sono più generose ad un certo punto nel tempo hanno il più grande aumento di stipendio quando i ricercatori le rivisitano più avanti nel tempo. Il risultato è contrario alle teorie secondo le quali le persone egoiste riescono a mettere le mani…

View original post 280 altre parole

Diverso

ORME SVELATE

Risultati immagini per different saatchi art Different Worlds (Tanja Vetter)

Mi capita di non sentirmi di questo mondo
è come se continuassi a girare in tondo
tutto sembra così remoto
come se il mio posto fosse sbagliato,
forse la prospettiva non è corretta
o dovrei cambiare me stesso
ma io non voglio essere diverso,
vorrei solo sentirmi giusto
in relazione con tutto il resto
invece ogni tanto mi spezzo
reagisco male ed impazzisco
rifiuto le etichette messe addosso
combatto ed urlo come un ossesso
gli altri mi guardano e mi compatiscono
io dentro soffro, vorrei stare in un fosso
di là guardare le nuvole in alto
riflettermi nel cielo immenso
e finalmente sentirmi accolto.

Daniele Corbo

View original post

Solitario equilibrio

Il mio giornale di bordo

Dal solitario
equilibrio
del pensiero
e dello spirito
lì dove vi è un luogo
una natura
si fonda nell’anima
una fusione di energie
crea
una nuova appartenenza
nuovi valori.

Antonio De Simone

Eng_Solitaire balance
lonely balance
from the lonely
balance
of thought
and spirit
there is a place where you
nature
rests in the soul
a fusion of energies
creates
a new membership
new values.

View original post

Ma gli antichi rimedi funzionano?

Creando Idee

Uno dei ricordi che forse ci è rimasto più impresso quando eravamo piccoli e soffrivano di qualche malessere è quello della nonna che si presentava con una tazza contenente un liquido misterioso insistendo affinchè lo bevessimo, e, miracolo, cedendo alle lusinghe del dolcetto se l’avessimo bevuta, ci siamo sentiti meglio! Oggi la scienza sta studiando con occhio critico non solo le “ricette della nonna”, ma anche gli antichi rimedi usati da popoli ormai scomparsi, verificandone l’effettiva efficacia, scopriamo qualche esempio partendo proprio dalla saggezza della nonna …Il brodo di pollo contro il raffreddore: gli studi condotti dal Nebraska Medical Center hanno accertato l’efficacia e ne hanno svelato i segreti. Le proteine di alto valore biologico del pollo accellerano il rinforzo della membrana dei globuli bianchi e delle altre cellule del sistema immunitario, mentre il brodo caldo crea una benefica vasodilatazione delle vie aeree superiori, e ci fermiamo qui ma ce…

View original post 204 altre parole

Ora hai capito ?

parola-della-settimana-pieta-640

Mi rantola il cuore
non trovo parole
per chiedere ancora vita.

Lancio monete rubate
perchè qualcuno mi creda.

Di troppo bugie ho vissuto
ora muoio solo.

Tutti ridono…ne sono felici.

Mi rantola il cuore
il buio diventa profondo.

La Pietà non mi accompagna.
Non ho mai voluto conoscerla.

Ora Lei passa: mi lascia un biglietto
con fatica leggo:

” Ora hai capito ? “

@ OROFIORENTINO

View original post

Mon Amour, di Antonio Caruso

Mon Amour, di Antonio Caruso

Mon Amour

Ti rivedo
in quella
distesa bianca…
“l’ultima neve di primavera”,
soli,
i tuoi seni
scoperti,
dolci e profumati
come colline
in fiore
mi parlano.
Accarezzo i tuoi
morbidi capelli,
la tua bocca.
I tuoi baci
caldi,
passionali,
mi consumano.
Amore ardente
il tuo,
mai nascosto,
sbandierato.
Pervasi in un
fuoco di passione
ci trasporta l’emozione,
ma il tempo è tiranno
la realtà ti reclama,
bisogna tu vada
c’è chi ti attende.
Berremo insieme
l’ultimo calice,
l’amaro calice
dell’addio,
bisogna cedere
all’oblio…
Adieu…
Adieu mon amour

Antonio Caruso 17/10/2018
Note Stonate
Foto dal web

Sempre dopo, di Nuccio Coriale

Sempre dopo, di Nuccio Coriale

Le nostre poesie

Sempre dopo

Sempre dopo

È come se “dopo”
le cose venissero meglio:
dopo ti devo parlare,
dopo la chiamo,
dopo dobbiamo vederci.
Dopo le chiederò scusa.
Dopo il venerdì pensiamo
che il sole sia sempre più bello.
Sempre dopo.
Dopo l’estate l’autunno
e poi a seguire arriva l’inverno.
Dopo il caffè si raffredda,
dopo la scuola finisce
dopo un abbraccio si perde il calore.
Dopo una lacrima cade dal viso
e al tempo non resta più tempo.
Dopo i figli diventano grandi,
il tramonto di un giorno finisce
e il momento più giusto
non è mai adesso.
Il presente diventa passato
e i dopo di oggi
domani rimangono vuoti.

Nuccio Coriale
(2018, 20 ottobre, 0re 4: 00 )

Ensemble Berlin e Hedwig Bilgram agli Organi Storici, di Lia Tommi

ALESSANDRIA – Un grandissimo evento, del tutto inedito per la città di Alessandria come pure per la Stagione di Concerti sugli organi storici sostenuta da Compagnia di San Paolo e dalle Fondazioni CRT, SociAL, CRAL e Piemonte dal Vivo.

Domenica 21 ottobre, alle ore 18, nella centralissima chiesa di S. Giovannino, fresca di restauro, l’Ensemble Berlin, costituito da musicisti dei Berliner Philarmoniker e da Hedwig Bilgram, storica organista e continuista di questa grande orchestra, si esibirà in un programma che alterna brani da camera a composizioni per organo solo. Saranno utilizzati per questo motivo due organi: lo storico “Mentasti” del 1890, anch’ esso appena restaurato dalla ditta “Brondino- Vegezzi Bossi”, ed un bellissimo strumento a cassone costruito da Walter Chinaglia di Cermenate, che sarà collocato sul pavimento per la musica d’insieme.

“Non posiamo che dirci soddisfatti quanto mai :- dicono gli Amici dell’ Organo – ospitiamo per la prima volta il meglio possibile della qualità musicale all’interno della nostra Stagione. A memoria nostra nessun altro ciclo di concerti d’organo in Italia ha mai offerto al pubblico un appuntamento di così elevato livello, unito ad una grande varietà di repertorio.

“Decameron ” al Teatro San Francesco, di Lia Tommi

Compagnia Teatrale STREGATTI

Teatro San Francesco Sabato 20 ottobre 2018 ore 21.00

DECAMERON – UN RACCONTO ITALIANO IN TEMPO DI PESTE

con TULLIO SOLENGHI

progetto e regia SERGIO MAIFREDI

in collaborazione con Gian Luca Favetto

consulente letterario Maurizio Fiorilla

direttore di produzione Lucia Lombardo

produzione Teatro Pubblico Ligure srl

con il patrocinio dell’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio

Tullio Solenghi, interprete magistrale al quale Sergio Maifredi ha affidato il progetto in tournée in Italia da due stagioni, restituisce allo spettatore la lingua originale di Giovanni Boccaccio rendendola accessibile e comprensibile come fosse la lingua di un testo contemporaneo. Il risultato è uno spettacolo divertente, di grande raffinatezza, davvero per tutti.

Durante lo spettacolo si ascoltano nella lettura integrale sei tra le più note novelle scritte a metà del 1300 da Giovanni Boccaccio:

CHICHIBIO E LA GRU

PERONELLA

FEDERIGO DEGLI ALBERIGHI

MASETTO DI LAMPORECCHIO

MADONNA FILIPPA

ALIBECH

“Il nostro lavoro non è stato attualizzare Boccaccio, ma conservarne e curarne il suo essere contemporaneo, non trasferirlo nel nostro tempo, ma mantenerlo contemporaneo a noi – scrive Sergio Maifredi nelle note di regia – Boccaccio ha il merito di aver elaborato il primo grande progetto narrativo della letteratura occidentale, inserendo i cento racconti in un libro organico capace di rappresentare la varietà e complessità del mondo. A tutti è concessa una storia, dai re agli operai ”.

“Decameron – un racconto italiano in tempo di peste” ha il patrocinio dell’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio ed è inserito nel progetto nazionale Letturainpubblico del Teatro Pubblico Ligure.

Un sogno, visto… di Rosario Rosto

Un sogno, visto… di Rosario Rosto

Un sogno

Un sogno, visto…
con gli occhi di un bambino.

Da grande volevo fare il principe,
ma mi fu detto d’essere cavaliere.
Ma nella realtà, divenni uomo semplice. Un cuore, capace
di mettere insieme due o più parole.

E solo una storiella, di quelle
che racconti davanti al camino
per far sorridere un po’ chi ti sta
a sentire.

Io invento sogni… che sarebbe meglio non mantenere.
Come in una favola, di quelle che non finiscono mai…
Io non ci credo, dico. Poi credo a tutto, o almeno ci spero.

Io son così, un uomo semplice
che sognava di diventare principe.

Rosario Rosto

Trittico d’autore ad Acqui Terme, di Lia Tommi

“Trittico D’autore”

Evento di Festival Internazionale Alessandria Barocca e non solo

Oggi alle ore 21:00
Acqui Terme, Sala Santa Maria, Via Barone, 3
Ospite della serata sarà il noto Ensemble Lorenzo Perosi, (Marcello Bianchi, violino – Claudio Merlo, violoncello – Daniela Demicheli, pianoforte). In programma musiche di P.Y.Tchaikovsky, “Canto d’autunno” – Paul Juon, “Trio miniaturen” – L. van Beethoven, “Trio op.1 n.3” in do minore.
INGRESSO LIBERO

IL VENTO D’INVERNO, di Domenico Angori

IL VENTO D’INVERNO, di Domenico Angori

44369361_1975098266121090_5634426995572998144_n

IL VENTO D’INVERNO
Vecchio stanco, ricco di povertà
Amato solo dal vento d’inverno
Vivo nella mia casa, calda di onestà
Con te, rimasta nel mio pensiero.
Il tempo mi ha rinchiuso nella cella
Di pensieri senza parole
Nel mio cuore c’è una fiammella
Che illumina la mia vita, più del sole.
Il vento d’inverno, gela ogni mia cosa
Pensieri freddi nei i silenzi
Si sfogliano come una rosa
svaniscono da veri guerrieri.
Mandami una tua carezza dal vento
Anche se sarò, freddo e felice
Apprezzerò il tuo bene immenso
Per guarire le mie ferite.

Angori Domenico

Fantasmi, di Andrea Patrone

Fantasmi, di Andrea Patrone

Fantasmi ( criticanti di mestiere )

Leggono il pensiero, lo spogliano, lo
rivestono cambiandone il colore, lo
fanno trasparente per poter dire la
bugia con una diversa mente.
Vedo con gli occhi chiusi lo zampillo,
ma sono solo lacrime di….coccodrillo.
Si vestono con mille colori e con la
nuova maschera possono mentire
stando dentro l’aria, come stalattiti
sembrano un labirinto che confonde
chi scrive per istinto.
Oggi ne è apparso uno, ha letto e
subito ha scritto:
“Caro amico, ho letto e non ho capito,
ma non temere, è meglio non sapere
se è buono il formaggio con le pere.”
Con questo vecchio detto ha voluto dire:
“Quello che tu scrivi scatena le mie ire.”
Così mi è giunta al cuore l’opinione di
un fantasma, senza…..nessun valore!

Andrea

Ti guardavo…  di Salvatore Monetti

Ti guardavo…  di Salvatore Monetti

Il cuore di Lucia 

44403998_1018461561689675_6859802034367889408_n

Ti guardavo…
fissavi il mare…
adagiata su uno scoglio…
m’avvicinai
toccando il tuo ventre…
caldo…
come il sole ad agosto
e tra sonno ed oblio
giocavo con la tua carne
buona e calma.
I tuoi seni completavano
la sapienza del tuo corpo
aspettando la mia mano
che accarezzasse il tuo viso…
segnato dal tempo…
pigro…
come il sangue di un vecchio…
ma tu…
donna complicata e unica
cantasti al mare il tuo dolore…
mentre il sole scivolava sull’ultimo scoglio…
un’onda bagnò la tua anima
e senza aspettare la luna
che mi salutasse
ti spogliai
e nuda t’amai.

Salvatore Monetti
Dipinto Michael &Inessa Garmash

Il mio autunno, di Vladimiro Botta

Il mio autunno, di Vladimiro Botta

44282932_739854436358230_8790022708705361920_n

Mi vivo con il respiro largo dei cieli d’autunno e lentamente dissipo il calore del sole di una estate estenuante che ha abbracciato i corpi e l’autunno, il cielo sempre più alto, azzurro ferro, le stelle brillanti e rimpicciolite, iniziano i giochi delle foglie, baruffe d’amore, dissolvenze, e mi metto a fantasticare 

mi bevo le attese, il vento trascina con se anche pagine di riviste patinate, glamour, fascino di rossetti, scarpine di vernice, anche strisce di fumetti, sorrido in una nuvoletta di Gordon Flash, il sogno delle stelle, cerco nell’aria le tracce del profumo del mosto, ho nostalgie delle antiche vigne, dei tralci che hanno antiche cicatrici, ma ancora grappoli rubino.

SOLA E MUTA, di Santina Gullotto

SOLA E MUTA, di Santina Gullotto

Dalla silloge “VERSI RIFLESSI”
nella foto un mio quadro olio su tela

SOLA E MUTA
Sola e muta…
la casetta dell’ulivo verdeggiante…
non si senton più le voci
di allegri commensali…
Ne vocii di bambini
che si contenton l’altalena…
Sola e muta, senza fumo il suo cammino
di quel forno che sfornava pane caldo
espandendo un buon profumo
tra il boschetto delle querce…
Il tempo cambia ogni cosa
muta il percorso della vita
nel progresso che trasforma
e distrugge quel che resta
di un tempo ormai passato…
Sola e muta, in una domenica
che si veste di speranza la mattina
per finire con il sole
lì tra i monti che declina…
@Santina Gullotto
Un mio olio su tela

Alguna palabra que nos faltó…

Poesía de Lucio Data

Alguna palabra que nos faltó...         xx o que sobró quizás -sin piedad- amontonada/matándonos, y así llegué hasta ti, de esa manera... largo/ -sólo coincidimos en eso-. El abrazo de nuestros días, -de cada momento- cambió... Ya no nos quedan monedas para intercambiar -me dije hasta completar el dibujo que nos sostiene/contenía dentro de aquel puzzle ahora desalmado... La fuerza vigilante tiembla en el vasto erial donde todo se sucede/suspende, ya lejos de mí. Y me mareo y espero a que vuelva a su sitio, pero no es así, ...y vuelta a empezar, -porque te respiro/repites mucho buscando el nuevo lugar como un perro cansado-. Mi albergue... el mercurio, -piso por piso- impulsado/expulsando al vacío hasta donde tú me has elevado, sin oxígeno -ruta/candor de tiza en los bolsillos- y el dueño/sueño de la razón esperando que acabe la clase de la Señorita Pepis... La semilla de lo real/innegable ha…

View original post 448 altre parole

Francesco Coppero, modellismo navale e intarsio del legno, le passioni di grande un artista alessandrino

Francesco Coppero, modellismo navale e intarsio del legno, le passioni di grande un artista alessandrino

1 DSC_00043 DSC_00062 DSC_0002

di Pier Carlo Lava

Alessandria, incontrare un artista, vedere le sue creazioni e visitare il suo laboratorio è sempre una grande emozione, come quella che abbiamo provato quando siamo andati a trovare l’alessandrino Francesco Coppero.

Coppero da quarant’anni, oltre a quella dei cani, coltiva le sue due grandi passioni il modellismo navale e l’intarsio del legno, con il quale realizza le sue opere nel laboratorio di via Rosselli ad Alessandria.

Una passione quella di Coppero nata quando ancora ragazzino, realizzava piccoli velieri con gusci di noci e stuzzicadenti.

Nel 1968 passa al modellismo navale realizzando esemplari in legno d’epoca, fra i quali un Galeone spagnolo con il quale venne premiato a Helsinki e la nave Couronne della marina francese (all’epoca costruita con il legname della Borgogna) tutti realizzati con un legno di noce stagionato 30 anni.

 

 

Negli anni successivi subentra in lui una nuova passione quella dell’intarsio del legno inizia così ha realizzare quadri artistici con vari soggetti, in particolare animali e uccelli di ogni tipo tutti rigorosamente esistenti in natura.

Il procedimento del lavoro di intarsio avviene attraverso le seguenti fasi: l’idea, il disegno su carta (è anche un abile disegnatore) la costruzione delle singole parti, l’assemblaggio su un pannello di abete, la verniciatura e la laccatura, che produce un effetto incredibile quasi come fossero di marmo lucido e brillante. Continua a leggere “Francesco Coppero, modellismo navale e intarsio del legno, le passioni di grande un artista alessandrino”

Sozzetti: In vent’anni il mondo è cambiato. E Alessandria? Questa è un’altra storia, a partire dall’università

Sozzetti: In vent’anni il mondo è cambiato. E Alessandria? Questa è un’altra storia, a partire dall’università

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com/

in vent alessandria2

In vent’anni il mondo è cambiato più volte, è nata una nuova economia dopo le crisi che hanno lasciato dietro di sé ceneri e macerie, la velocità è il segno distintivo, innovazione e tecnologia trovano straordinarie declinazioni in ogni settore produttivo. Intanto Alessandria dopo vent’anni dice che “l’università è una opportunità”. E che deve passare da “città con l’Università a Città Universitaria”.

Per chi ha avuto modo di seguire e raccontare prima l’avvio dei corsi decentrati dell’Ateneo di Torino e poi l’istituzione, nel 1998, dell’Università del Piemonte Orientale, e ha assistito al Consiglio comunale convocato alla presenza dei consiglieri di oggi e di ieri su stimolo del Comitato promotore “Alessandria 850” (Antonio Maconi, membro del Comitato, ha rilanciato l’appello all’unità, “superando le divisioni politiche sui grandi temi di sviluppo”, quindi ha aggiunto: “Per la città universitaria ci manca ancora molto, ma l’eredità che lasciamo alle nuove generazioni è grande”), l’incontro è apparso quasi fuori dal tempo. Continua a leggere “Sozzetti: In vent’anni il mondo è cambiato. E Alessandria? Questa è un’altra storia, a partire dall’università”

Il Signor G privato, di Cristina Saracano

Questa sera a Ovada, alle 21, nell’ambito del Festival Rebora, alla loggia di San Sebastiano, Gian Piero Alloisio ci propone uno spettacolo su un Giorgio Gaber privato, sconosciuto a molti.

Alloisio, reduce dal festival Tenco, dove ha partecipato a una masterclass su Gaber,aveva già portato in scena “Il mio amico Giorgio Gaber” nel 2013 e, successivamente, pubblicato un libro omonimo nel 2017 edito da Utet.

Prossimo appuntamento con il Rebora il 1 novembre, alla parrocchia dell’Assunta, con il concerto dell’orchestra Classica di Alessandria.

Intervista di Alessia Mocci a Cinzia Migani, autrice del saggio Memorie di Trasformazione. Storie da Manicomio

Intervista di Alessia Mocci a Cinzia Migani, autrice del saggio Memorie di Trasformazione. Storie da Manicomio

[Erano gli anni dell’applicazione della Legge Basaglia.] Ero decisamente attratta dalle storie di superamento istituzionale che venivano trasmesse nella tv di stato, rese pubbliche da psichiatri, sociologi e cittadini impegnati a mettere in evidenza la decadenza di quella cultura che aveva tracciato la linea di confine tra la società dei sani e quella dei folli, fra il normale e il patologico.” ‒ Cinzia Migani

Il primo settembre 2018 è stato pubblicato dalla casa editrice mantovana Negretto Editore un saggio frutto di trent’anni di ricerca: “Memorie di Trasformazione. Storie da Manicomio”.

Cinzia Migani _ 2 ottobre 2018 - Imola

La pubblicazione è suddivisa in tre sezioni: Storia del manicomio di Bologna nell’ultimo trentennio dell’Ottocento” che presenta gli studi sopracitati dell’autrice coadiuvata dal professor Ferruccio Giacanelli; “Prime soluzioni al sovraffollamento dei manicomi” che presenta la pazzia ai tempi del positivismo con schede di approfondimento di Cesare Moreno, Maria Augusta Nicoli ed Andrea Parma; “Storie da manicomio” che racconta le vite di tre persone che hanno vissuto fin troppi anni in questi istituti.

L’autrice, Cinzia Migani, si occupa dal 1990 di progett-azione sociale con particolare attenzione alle reti di volontariato contro l’esclusione sociale.

È stata responsabile dell’Area Salute Mentale dell’Istituzione G.F. Minguzzi della Provincia di Bologna dal 1998 al 2000, successivamente e sino al 2009 ha ricoperto la posizione di Responsabile dell’Area Ricerca ed Innovazione Sociale e Responsabile di “Aneka. Servizi per il benessere a scuola”. Dal 2010 collabora con A.S.Vo che gestisce VolaBo, il centro di servizio della città metropolitana di Bologna, in veste prima di coordinatrice e poi di direttora di VolaBo. Continua a leggere “Intervista di Alessia Mocci a Cinzia Migani, autrice del saggio Memorie di Trasformazione. Storie da Manicomio”

Max Oddone: arte mista, di Cristina Saracano

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

L’appuntamento è  per sabato 20 ottobre  alle 18, ad Alessandria, in via Trotti 58, con Max Oddone e la sua mostra “Brut -pourri”

L’artista alessandrino,  che vive a Bologna da qualche tempo,  e si definisce simpaticamente sui social “Ratto seminatore”, diffonde pittura e simpatia.

I suoi dipinti,  molto geometrici, sono rappresentazioni della vita di tutti i giorni, arricchiti, talvolta, da ironiche frasi.

Insomma, un “pout-pourri”, o come ama dire Max, un “brut-pourri” di emozioni visive.

Sorprendiamoci!

View original post

Cherima Fteita : Bando  tirocini formativi e di orientamento per Laureati

Cherima Fteita: Bando  tirocini formativi e di orientamento per Laureati

E’ aperto il bando per l’attivazione di tirocini formativi e di orientamento per Laureati.
Domande aperte anche ai titolari di Dottorato di ricerca e Master da meno di 12 mesi

sddefault

Alessandria: C’è tempo fino al prossimo 5 novembre per presentare la candidatura ai tirocini formativi e di orientamento attivati grazie alla sinergia tra assessorato alle Politiche Giovanili e l’Università degli Studi di Torino.

Più specificamente, si tratta di 2 tirocini formativi e di orientamento rivolti ai giovani laureati dell’Università degli Studi di Torino destinati all’organizzazione e realizzazione di attività ed eventi di Politiche Giovanili in programma presso il Comune di Alessandria nel periodo da novembre 2018 a maggio 2019. Continua a leggere “Cherima Fteita : Bando  tirocini formativi e di orientamento per Laureati”

Vittoria Colacino, al via “LIBRI DAL VIVO” 2018. Una rassegna tutta al femminile

Al via venerdì 26 ottobre “LIBRI DAL VIVO” 2018: Una rassegna tutta al femminile

Tortona: Da venerdì 26 ottobre 2018, alle ore 17.30, riprendono presso la Biblioteca Civica Tommaso de Ocheda di Tortona gli appuntamenti con la rassegna “Libri dal Vivo”, che nell’edizione 2018 sarà tutta “al femminile”, per rendere omaggio ad un cinquantennio di conquiste. 

libri dal vivo 2018 2019 calendario date

Ricorrono infatti quest’anno cinquant’anni dal ’68, anno della contestazione, quando il femminismo in Italia comincia un lungo processo di autocoscienza nel quale la donna sente il bisogno di trovare la propria strada e più ancora una propria identità, dando ascolto a quella voce interiore che dice: “voglio qualcosa di più”.

La cellula-base del femminismo è proprio un piccolo gruppo di sole donne in cui si discutono argomenti estranei alla concezione tradizionale della politica, le esperienze di vita quotidiana, le relazioni, i sentimenti. Continua a leggere “Vittoria Colacino, al via “LIBRI DAL VIVO” 2018. Una rassegna tutta al femminile”

Topini Brividosi: “Halloween in Biblioteca!”, giochi e racconti per festeggiare insieme un’antica tradizione”

Topini Brividosi: “Halloween in Biblioteca!”, giochi e racconti per festeggiare insieme un’antica tradizione”.

Martedì 30 ottobre presso la Biblioteca di Serravalle Scrivia.

Halloween30_10_ 2018

Martedì 30 ottobre, dalle 17.00, la Biblioteca Comunale “Roberto Allegri” di Serravalle Scrivia organizza “Topini Brividosi: Halloween in Biblioteca!”, il tradizionale laboratorio di Halloween della Biblioteca di Serravalle Scrivia, che questa volta è pensato per i bambini dai 0 ai 6 anni e che comprenderà racconti e giochi ispirati alle suggestive atmosfere di Halloween.

 Si tratta di un laboratorio ludico didattico con letture ad alta voce legate al progetto nazionale Nati per Leggere e giochi che metteranno alla prova la destrezza dei piccoli concorrenti.                  Continua a leggere “Topini Brividosi: “Halloween in Biblioteca!”, giochi e racconti per festeggiare insieme un’antica tradizione””

Halloween sotto l’Arco ad Alessandria

Halloween sotto l’Arco ad Alessandria

Halloween sotto l'Arco

Organizzato da L’a.r.co Associazione Alessandria
Mercoledì 31 ottobre 2018 dalle ore 16:00 alle 19:00, Via Dante Alighieri, 15121 Alessandria.
Magico pomeriggio festoso in via Dante il 31 ottobre a partire dalle ore 16 fino alle 19 per il giorno di Halloween. Siamo particolarmente felici di presentare un progetto che vedrà partecipi le giovani allieve del Corso Moda dell’istituto Nervi-Fermi di Alessandria.

Le studentesse hanno realizzato i loro costumi, che grazie al loro talento saranno unici e in più li indosseranno per intrattenere i tanti bambini e non solo, che invitiamo nella Via!.

Non possono mancare le caramelle e i dolcetti, ma anche le sorprese……..

Mistero, allegria e suspense saranno l’atmosfera!

Vi aspettiamo, non mancate! La Vi sarà chiusa al traffico.

Harry Potter in Cittadella, di Lia Tommi

Harry Potter e i misteri di Grindelwald

Sabato 20 ottobre 2018 in Cittadella ad Alessandria

Harry Potter e il suo mentore Albus Silente si preparano allo scontro finale con Voldemort. Quest’ultimo ha tra le sue mire quella di impadronirsi della leggendaria Bacchetta di Sambuco, la più potente delle bacchette magiche, appartenuta al potente mago oscuro Grindelwald. E’ giunto il momento che Harry conosca la verità su Grindelwald, la Bacchetta di Sambuco e degli altri Doni della Morte. Harry e Silente hanno bisogno di tutto l’aiuto possibile e un gruppo di giovani maghi di Hogwarts

Ancora una volta la Cittadella di Alessandria ospiterà un evento legato al mistero e all’adrenalina!

Un viaggio emozionante tra mistero e cultura all’insegna della più popolare saga di magia dei giorni nostri. L’evento sarà suddiviso in due momenti ricalibrati rispettivamente per i più piccoli e per gli adulti.

Le guide del Fai accompagnati dai personaggi della saga di Harry Potter condurranno all’interno della Cittadella i visitatori coniugando la scoperta di questo ragguardevole luogo FAI il fascino della narrazione del mistero.

La serata avrà come scopo quello di raccogliere fondi per la salvaguardia della Cittadella, come ormai da anni il FAI si impegna a fare, e condurrà negli spazi preventivamente concordati gli spettatori alla scoperta (e riscoperta) dei luoghi più carichi di fascino della cittadella il tutto all’interno di una narrazione teatralizzata all’insegna del mistero.

Titolo della serata “Harry Potter e i misteri di Grindelwald” vuole catturare un pubblico giovane e giovanissimo che solitamente si affacciano con fatica alla salvaguardia di luoghi come la Cittadella.

Corso gratuito di difesa personale

Corso gratuito di difesa personale.

Tortona: Ha riscosso grande successo la prima lezione del corso gratuito di Difesa Personale, che si è tenuta mercoledì 17 ottobre alla Palestra Comunale Cavour.

Tortona

Alla presenza di ben 45 partecipanti gli istruttori Fabrizio Dellachà e Gian Luca Cagnina hanno posizione di guardia, le parate dai colpi alti, i colpi di palmo, le evasioni dalle trattenute delle mani (mano singola, mano incrociata, doppia mano) e l’evasione da strangolamento con una mano

hanno presentato la posizione di guardia, le parate dai colpi alti, i colpi di palmo, le evasioni dalle trattenute delle mani (mano singola, mano incrociata, doppia mano) e l’evasione da strangolamento con una mano.

Il secondo appuntamento con DIFESA PERSONALE sarà Mercoledi 24 Ottobre, sempre alla Palestra Comunale “Cavour” alle ore 20,00. Continua a leggere “Corso gratuito di difesa personale”