SLANG LISANDREN, di Gianni Regalzi

SLANG LISANDREN, di Gianni Regalzi

SLANG LISANDREN

SLANG LISANDREN

“Fa fiuchè, ciapa quaji e sòuta ciuendi”
i sòn paroli ormai da tücc smentiaji.
Paroli che da temp is drobu pü,
però se ammez a vòi u j’è cucdeu-n
ch’us viza ancura u sò significato,
sens’ater us sentirà strensi ‘n pò ‘l còr.

I lisandren cui s-ceutt i sòn semp pü rar
e méa m vont ad esi j’eun ad lur
e se a vigh cucdeu-n con la mantlen-na
um ven sübit an ment la “piligeren-na”.
Se a vagh dal verdüre a “catè” I piselli
a ciam a la cumèsa ‘d “scapaton”,
ch’um daga pèr piesì am po’ d’”arbiòn”.

Ant’èl quatr’uri a vagh a riva Tani,
am bütt “dricc acme ‘n füss” ans cul sabiòn
e pò al post d’in tuffo, pèr fè u “speuss”
a fass con ‘n po’ ‘d malizia u “scanapeuss”.

A sèt e dez a entr ant l’usterea
Am sètt “tranquil ‘cme ‘n puciu” a cul taulen
E ‘nvece ad dì “Batista fam dòi òvv”,
a digh “Batista fam dòi cirighen”.

Lisondria, 25 Lü 2008
Gianni Regalzi
(da “Silenzi e Pensieri” dir.ris.)
(Foto del vecchio ponte della Cittadella
sul fiume Tanaro da Google immagini)

La Traduzione è quasi impossibile e assolutamente senza senso e non potendo rispettare alcuna metrica, priverebbe la composizione della sua naturale musicalità.

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...