LA SOLITUDINE, di Gregorio Asero

LA SOLITUDINE, di Gregorio Asero

gregorio-asero.jpg

LA SOLITUDINE

Accanto a lui era accovacciata la solitudine.
Come terza incomoda
cercava di rubarlo all’amata.
Intorno c’era il chiarore della mezza luna
e respirava l’odore dell’eternità.
Portava le chiavi arrugginite della porta del dolore
che sapeva come aprire.
E chi mai avrebbe potuto dare aria alla mia anima?

Accanto a lui era accovacciata la solitudine.
E quando i battenti della porta
si aprirono su cardini arrugginiti
simile al suono del mio cupo lamento
il malvagio gracidare dei pensieri
fece spazio al tuo dolore.

Accanto a lui era accovacciata la solitudine.

.

da “Come le foglie al vento”

gregorio asero

copyright legge 22 aprile 1941 n. 633

Autore: alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...