Pernigotti, appuntamento all’8 gennaio, intanto cerca un advisor

Pernigotti, appuntamento all’8 gennaio, intanto cerca un advisor

di Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com/

Nuovo incontro per la Pernigotti al ministero del Lavoro e una conclusione transitoria con appuntamento all’8 gennaio. Intanto la società conferma di voler individuare un advisor specializzato.

Perngotti

Al termine della riunione al ministero, alla presenza delle organizzazioni sindacali, convocata nell’ambito della procedura per l’ottenimento della Cassa integrazione straordinaria relativa alla cessazione delle attività dello stabilimento di Novi Ligure,  la Pernigotti, “accogliendo l’invito delle istituzioni e delle organizzazioni sindacali, ha confermato l’impegno nel ricercare, anche attraverso un advisor specializzato, soluzioni concrete di re-industrializzazione del sito di Novi Ligure a supporto della richiesta di trattamento di cassa integrazione per cessazione di attività con l’obiettivo di minimizzare per quanto possibile l’impatto sociale” si legge su una nota aziendale diffusa in serata.

“Le parti torneranno a incontrarsi martedì 8 gennaio 2019, alle 11, per riprendere l’esame congiunto finalizzato alla stipula dell’accordo governativo per il ricorso alla cassa integrazione”. Nessun riferimento ulteriore a marchio e società che il gruppo industriale turco Tokso non ha intenzione di vendere,  come ha ribadito nei giorni scorsi.

Messico: la Baia di Soliman

Veronica Iovino

Eccoci arrivati all’ultimo giorno di un viaggio davvero intenso e ricco di emozioni che Cristina ha saputo descrivere alla perfezione.

Lascio la parola a Cristina che spero di ospitare presto per raccontarci di altre avventure in altrettanti posti meravigliosi…

ULTIMO GIORNO IN PARADISO

IMG_20171101_143130

Domani purtroppo si torna a casa, ma non senza goderci al meglio questo ultimo giorno.

Grazie al consiglio del nostro amico Marlon contrattiamo con un tassista che per pochi pesos sarà il nostro autista personale per tutta la giornata e ci facciamo portare nella Baia di Soliman.

Dopo circa 30 minuti da Playa del Carmen lasciamo la strada asfaltata per addentrarci in una strada sterrata fiancheggiata da svariate case, alcune molto lussuose, finchè giungiamo in questo luogo nascosto della Riviera Maya, un luogo perfetto per trascorrere una giornata a contatto con la natura.

A quanto pare, per ora siamo gli unici a godere di questo paradiso…

View original post 463 altre parole

Titti si sposa

Raggio di Sole

Ricca e raffinata, Titti è all’apice della popolarità. La sua festa di nozze non poteva avere più successo di così. La sua wedding planner ha fatto un lavoro strepitoso curando ogni piccolo particolare, giocando sulla sua passione per il rosso e il bianco, rendendo la cerimonia un’incantevole cornice romantica e il rinfresco un’occasione mondana difficilmente ripetibile da chiunque.

Suo padre l’ha accontentata in tutto, pagando cifre da capogiro pur di farla felice. In fondo ha impiegato venticinque anni per viziarla oltre misura, non può certo lamentarsi ora, di quanto gli costi mantenerla.

Infatti non potrebbe mai essere deluso da una figlia come Titti. Oltre che bella è risoluta, decisa, coraggiosa, intelligente di un’intelligenza acuta e aperta, preparata, lanciatissima nel mondo delle telecomunicazioni. Si dice da tempo che sia destinata a diventare la nuova Lily Gruderi, la anchor woman di Canale Quattordici.

Tutti l’ammirano, ne copiano lo stile, il modo di…

View original post 394 altre parole

Ereditiere

Raggio di Sole

Il padre l’aveva guardato, spiandolo dalla macchina un pomeriggio che proseguendo lungo lo stradino brecciato, si era ricordato all’improvviso di aver lasciato gli occhiali sul tavolino del telefono nel suo studiolo. Senza quelli non era in grado neppure di vedere le righe sul ricettario che compilava al termine delle visite mediche a domicilio che avrebbe dovuto fare ai suoi pazienti. Il dottor Conforti, medico di condotta di quarta generazione, fermò l’auto all’incrocio con la strada che portava a Villa Ambrosi dove abitava l’illustre professor Longhi, esperto mondiale di lingue antiche. Il viale era costeggiato di cipressi alti e bellissimi al termine dei quali si poteva intravedere la piccola casa del custode, un edificio ad un solo piano con l’abbaino sul tetto a spiovente di un verde brillante che non smetteva mai di ammirare ogniqualvolta gli capitava di osservarlo.

Longhi era il vicino di casa di Conforti, aveva due figlie eleganti…

View original post 912 altre parole

Fascino antico

Raggio di Sole

Ma che bel quadretto questo scorcio di paesino attraversandolo a piedi di ritorno da una scarpinata di quelle toste che mi lasciano i piedi doloranti e i jeans sporchi di terra per i cascatoni e le culate in discesa, quando la paura di perdere l’equilibrio mi spinge a passare dalla versione homo herectus alla versione homo poltronum che presto verrà adottata anche da tutti i lobotomizzati delle promozioni di “poltrone e sofà”.

Ma quale bel paesino! Casone in cemento così brutte che in confronto una raffineria ha più fascino, malandate dopo trent’anni, sono la miseria dei tempi moderni contro l’immutata bellezza della chiesa romanica e della Torre romana con tanto di arco e ponte.

Alle due e mezza il paese grande quanto un centro commerciale, è vuoto, stanno tutti mangiando ai quattro palmenti all’interno dei ristoranti, facendosi servire i piatti tipici locali che sono riportati nei cartelli dei menù all’esterno…

View original post 62 altre parole

Torno indietro

Raggio di Sole

 

Non mi addentro nel bosco perché ho paura di quello che non conosco. Ti seguo però se tu ci andrai perché non posso lasciarti solo.

Il silenzio temo quanto il buio, suoni improvvisi e rumori vicini mi fanno temere. Vorrei essere a casa al sicuro in questo momento.

Perché provare e cercare il coraggio se ad un nuovo passo il terrore mi assale. Non resisto, volto la schiena al pericolo e torno indietro.

View original post

Illusione ko

Raggio di Sole


Mi illudevo anni fa pur sapendo che era una strada senza uscita, un campo di gramigna, un angolo scomodo su cui restavo appesa rimanendo aggrappata ai bordi di una parola pesante quanto effimera con le unghie delle dita.

Amicizia… Quando mai è stata amicizia quella, donavo con l’illusione del presente e la sensazione che restava era quella di agitarmi nel vuoto.

Invece ciò che volevo conquistare era allegria, uno spazio pulito da riempire con i colori che mi esaltavano, il tempo che si dilatava, scoprire porte, tante porte che si aprivano per far entrare chi mi cercava per vedere il meglio di me, prenderlo senza rubarlo, usarlo per farmelo conoscere.

Non sapevo di poter essere presente in più modi, sentirmi bene, dedicarmi con cura, accompagnare come granella di nocciola che arricchisce un dolce goloso, inserirmi come un ingranaggio antico di un orologio prezioso, colorarmi di alba e tramonto, giocare a…

View original post 77 altre parole

Chiacchiere con l’autore: Leonardo Malaguti e Dopo il diluvio

- Radical Ging -

Di solito, a novembre, la sensazione è quella di un mese transitorio, quello spazio che separa il buon dal Natale. Nel nostro caso però, proprio nel cuore di questo gelido mese, in una sera buia e alquanto nebbiosa – la prima nebbia dell’anno torinese – abbiamo avuto il piacere di chiacchierare con lo scrittore di Dopo il diluvio (Exòrma edizioni), Leonardo Malaguti, che col suo esordio letterario è arrivato finalista al Premio Letterario Neri Pozza 2017.

La location della serata è stata la Libreria del Golem, una piccola e accogliente “casa del libro” a pochi passi dall’Auditorium RAI di Torino. Disposti in un semicerchio un po’ irregolare abbiamo parlato, a luci soffuse, di genere, costruzione di personaggi  e scrittura. Da fuori probabilmente sembravamo raccolti in qualche oscuro consesso, tant’è che non sono mancati passanti perplessi e fotografi curiosi.

Del romanzo già ve ne abbiamo…

View original post 315 altre parole

Frankenstein illustrato: quando Mary Shelley incontra l’arte di Bernie Wrightson

- Radical Ging -

È difficile avere dubbi sulla qualità della proposta di Oscar Ink Mondadori. La collana  custodisce volumi preziosi: si va dai graphic novel europei (come La chiamata di Laurent Galandon e Mermoux) al comic americano (come il graphic novel di Fahrenheit 451, di cui abbiamo parlato qui), fino alle versioni illustrate di capolavori come American Gods, il Poema a fumetti di Buzzati e il Frankenstein di Mary Shelley con i disegni di Bernie Wrightson. Ed è proprio quest’ultimo l’oggetto del post di oggi.

Frankenstein non ha bisogno di presentazioni, ha ispirato negli anni film (il primo datato 1910, e recentemente restaurato dalla Library of Congress, che lo ha reso disponibile), libri e tante altre produzioni; L’opera ha particolarmente monopolizzato questo 2018, anno del bicentenario dalla prima pubblicazione, insieme alla scrittrice, Mary Shelley, di cui trovate vari articoli qui sul blog. Pertanto, visti i precedenti, e…

View original post 401 altre parole

La caduta di Gondolin e l’epicità di J.R.R. Tolkien

- Radical Ging -

Quando si pensa a John Ronald Reuel Tolkien l’associazione mentale più immediata è quella de Il Signore degli Anelli (di cui aspettiamo con eccitazione la nuova traduzione di Ottavio Fatica) o, tutt’al più, Lo Hobbit. Tuttavia, il mondo che è nato dalla sua penna è di gran lunga più vasto delle avventure della Compagnia dell’Anello o di quelle del simpatico Bilbo Baggins e, negli anni, sotto la curatela di Christopher Tolkien, uno dei figli dello scrittore, sono stati pubblicati molti racconti che gravitano attorno alla Terra di Mezzo, alcuni dei quali ricostruiti da semplici appunti sparsi che il padre aveva lasciato alle spalle dopo la morte. Le opere di Tolkien qui in Italia sono pubblicate da Bompiani, e così è anche per la trilogia dei Tempi Remoti, giunta a compimento con la pubblicazione de La caduta di Gondolin, che segue i compagniI figli…

View original post 1.038 altre parole

Agatha Before Christie: l’Egitto, la scrittura e la guerra

- Radical Ging -

Come già detto in precedenza, spesso ci si dimentica che gli autori prima di essere scrittori, sono anche persone normalissime, con vite altrettanto normali. Agatha Christie, che qui ancora non era una scrittrice e ancora portava il nome di famiglia, Miller, visse i suoi primi anni d’infanzia a cavallo tra l’epoca vittoriana e il primo Novecento, tra la crisi delle classi agiate e nobiliari inglesi, i viaggi frequenti, gli incubi infantili e lo spettro della guerra per porre fine a tutte le guerre. Agatha però vide la sua infanzia finire prematuramente, nel 1901, quando Frederick Miller, il padre, morì per complicazioni cardiache. La piccola Agatha aveva soltanto 11 anni.

Ho un’immagine stampata nella memoria. È pomeriggio, io sono in piedi sul pianerottolo a metà delle scale. D’un tratto la porta della camera dei miei genitori si apre e mia madre si precipita fuori, coprendosi gli…

View original post 1.360 altre parole

Questo week end dove siamo ? Mercatino antiquariato Povegliano Veronese….

Il Pikaciccio

Qualcuno di voi ci viene a trovare ? Da Povegliano siamo partiti con l’avventura di Cara vane e con gioia torniamo tutte le volte che possiamo….

Il mercatino si svolge tutte le prime domeniche del mese , e si possono trovare oggetti un po’ di tutti i titpi, l’idela in questo periodo per fare qualche piccolo regalo di Natale un po’ diverso dal solito.

Questa volta verrà con noi anche il nostro Ale che venderà dei vecchi giochi e anche dei vinili ritrovati in cantina……

img_5764

e noi ? naturalmente ci saremo con Caravane e questa volta proponiamo la polenta con il cinghiale e poi per scaldare noi i clienti e anche tutti gli amici espositori anche il vin brulè …

Speriamo di riuscrire farlo buono come quello degli alpini di Brisighella …. quasi quasi ci mettiamo un buon Sangiovese o un Lambrusco…

img_5947-1

Tutti pronti allora … ci si vede a…

View original post 8 altre parole

Totem

Cipriano Gentilino

Totem imbarazzati

senza vesti e monili

non attendono rosari

nè osano il bacio

nella palude stantia

sfumano senza figli

nel disuso d’amore.

Cipriano Gentilino

Versione tradotta in spagnolo da Vincente – http://poesiaistante.wordpress.com

Totem avergonzado

sin ropa y joyas

no esperan rosarios

ni besan el beso

en el pantano añejo

desvanecerse sin niños

en el desuso del amor.

 

View original post

Storie

VALENTINE MOONRISE

A piedi nudi per la via

un bimbo tira calci

alla sfortuna…

Quasi nudo e sorridente

un altro tira sassi al cielo

mentre finge di volare…

in una via dimenticata,

dei bimbi

senza scarpe,

giocano

con scarti e bottiglie

regalando ricchi sorrisi.

Sotto un ponte

una donna taglia e cuce

dentro una baracca di latta

forse desiderando

una vita meno dura.

Un uomo senza denti

e dagli abiti consumati

accompagna il figlio

a scuola

benedicendo il suo futuro.

Storie viste e da vedere,

vissuti veri e giochi ardui,

desideri consumati

nei giorni tutti uguali.

Sogni prestati all’occorrenza

imparando a vivere d’istinto

nelle notti senza tetto

finché non mutano le stelle.

V.

Malang, Indonesia.

View original post

Meteora, un luogo che arriva dallo Spazio

I Viaggi di Morgana

Un posto davvero assurdo quasi magico, che mi ha colpita come una meteora😂😀😉 è il paese di Meteora, nella Grecia del nord. Il suo nome significa letteralmente “In mezzo all’aria” dal greco “META” in mezzo a” e “AER” aria. È una località insolita, piovuta dal cielo, dove si respira spiritualità e il contatto con Dio sembra più vicino.

La sensazione che si percepisce arrivando verso Meteora è peculiare.. dopo chilometri di strada quasi tutta uguale, si scorgono da lontano le grandi rocce dalle bizzarre forme, estese verso l’alto.

Situata nella pianura della Tessaglia, nelle vicinanze della cittadina di Kalambaka, è un importante centro della chiesa ortodossa, oltre ad essere una famosa meta turistica definita patrimonio dell’ umanità dall’UNESCO.

In molti parlano di strani fatti accaduti nella zona, alcuni sostengono di aver visto luci volteggiare sopra le meteore, per poi sparire nel nulla con velocità.

La mia…

View original post 375 altre parole

Lacrime di sangue

I Viaggi di Morgana

IMG_20181106_182914

Passano secoli e sul mio corpo non rimangano segni

invasa dai ricordi e dalle esperienze passate e mai dimenticate.

La mia anima scalpitante attende il futuro che cambia, forgiato dal destino.

Infinita saggezza nutre carne e pensiero

il cuore non si immerge più in sentimenti ingenui e passionali.

Il dolore mi ha ghiacciata nel suo insegnamento profondo,

ma nel mio insolito sentire, sono un fiume di emozioni dense che esplodono in lacrime di sangue. 

View original post

Guardia scorre lancetta

SempreAdelantando

Gli spartani?
anch’essi decomposti:
come sono venuti, sono andati
tacendo

… ma tu parla, su: cos’hai da scrivere
ancora?

Dillo adesso o mai più: lo sai

che la guardia scorre infame
lancetta
sul quadrante delle ore infette.

Non resta molto e i fiori languono
secchi: l’attesa linfa più vita
non dona

…. e non si è più in mare aperto:


in mare le tempeste confondono in viso
gli spruzzi dalle onde con le lacrime
dagli occhi;
l’agitarsi degli elementi in cuore

con quel morder di bufera in aria
sì che s’intenda
quanto di umano c’è nella forma
esplosiva di un tuono

… ma non si è più in mare aperto.


sulla mappa degli occhi

è che i tuoni dovrebbero farsi genio
evolversi di lampi; illuminazioni
a tormento
vita oltre la morte

…e dire che pur l’ilota
dovrebbe più non esserci
invece d’accorrere servile
a cucir bocca.

View original post

Crema de ceba

Celler-Adocse

Ingredients:

  • 1 ceba gran
  • 400 ml d’aigua
  • 3 cullerades de flocs de civada
  • 2 talls de pernil

Preparació:

  1. Posem a escalfar l’aigua i mentrestant tallem la ceba, quan l’aigua arrenqui el bull afegim la ceba, deixem coure cinc minuts i afegim els flocs de civada, deixem coure a foc mig durant cinc minuts més, remenant de tant en tant.
  2. Ara només falta triturar amb la batedora.
  3. Si veieu que us ha quedat massa espessa podeu afegir una mica d’aigua.
  4. Rectifiqueu de sal, tenint en compte que posareu el cruixent de pernil.
  5. Per altra banda, tallem un full de paper vegetal a la mida del plat del microones i posem a sobre els talls de pernil sense greix, posem en marxa el microones a màxima potència, el temps no us el puc dir perquè cada microones és un món, és qüestió que anem vigilant perquè no se’ns cremi.
  6. Jo vaig començar…

View original post 46 altre parole

Il sogno di una rivoluzione, di Cristina Saracano

WhatsApp Image 2018-02-16 at 16.02.22

Recensione di Cristina Saracano del libro di Maria Teresa Gavazza

Questa parola, rivoluzione, può essere segno di cambiamento in movimento.

Cinquant’anni fa molti ragazzi, ma sopratutto molte ragazze in un’epoca volta al consumismo, hanno accantonato per un attimo i consumi e pensato solo agli effettivi bisogni, primo tra tutti la libertà.

Anche questa parola, libertà, esprime voglia di rinnovare, spalanca orizzonti mai esplorati e porta a nuove conoscenze.

Bisogna essere giovani, coraggiosi, caparbi come lo sono stati le ragazze e i ragazzi che nei tre anni (1967-1968-1969) hanno dato vita a una rivoluzione per ottenere la libertà.

In quegli anni essi sono riusciti a rompere i muri tirati su dai benpensanti e dai conformisti, per passare oltre la realtà che fino ad allora aveva portato a discriminazioni e ingiustizie in contrasto con ciò per cui i padri di questi giovani avevano lottato. Continua a leggere “Il sogno di una rivoluzione, di Cristina Saracano”

Poesia: ArciRoses

EIACULAZIONI DI POESIE

Arciclub di stelle alate

inafferrabile universo

consumato

la danza della condanna

velo d’inverno

dispotico tempo

movimento ignoto

angelico

Dio mai nato

storia tesa

mare di sangue

aborto di sogno

canto antico sottopelle

uccidimi

lento

spalmi

archi

caldi

sguardi

incanti

indissoluto intreccio

uniforme informe

crudo

bacio

latte infuocato

attacchi di vergini rose

ricoprimi il sesso dell’odore di te

Sarah Jackson

Arciclub of winged stars

elusive universe

consummate

the dance of condemnation

winter veil

despotic time

unknown movement

angelic

God never born

tense history

sea ​​of ​​blood

abortion of dream

ancient singing undercoat

kill me

slow

smear

arches

hot

looks

enchantments

indissolved intertwining

uniform informal

raw

kiss

fiery milk

attacks of rose virgins

cover me with the smell of you

Sarah Jackson
Arciclub крылатых звезд неуловимая вселенная консуммировать танец осуждения зимняя вуаль деспотическое время неизвестное движение ангельский Бог никогда не рождался напряженная история море крови аборты мечты древний пение подшерстка убить медленно…

View original post 282 altre parole

PARLIAMO DI BOT: COSA SONO E COME SI USANO!

NON DI SOLA TECNOLOGIA vecchio

Non mi riferisco ai buoni ordinari del tesoro, croce e cruccio di molti economisti e di parecchie famiglie di risparmiatori, per i quali dichiaro la mia assoluta incompetenza. Mi riferisco ai Bot, abbreviazione di Robot: in informatica quei programmini che utilizzano l’intelligenza artificiale e accedono alla rete attraverso gli stessi canali utilizzati da noi umani; messaggi, chat, siti web.

Mi sono incuriosito perché ultimamente li trovo sempre più presenti e attivi in skype, in telegram e altri social. In realtà comimnciamo a trovarli un po’ dappertutto, google ne fa largo uso per indicizzare le sue pagine, ma anche altri servizi li utilizzano per automatizzare operazioni troppo complesse o macchinose per l’uomo: compilazione di messaggi automatici in risposta a richieste di utenti per esempio. In questi giorni ho avuto modo di fare un mini corso nel quale l’insegnante, diciamo così, era un fantomatico Bot, opportunamente istruito con tanto di risposte e…

View original post 246 altre parole

Not my president

Tracce di jazz

La vignetta compare su All About Jazz per mano di Michael Ricci per il testo e Keith Henry Brown per il disegno.

L’ arte di Keith Henry Brown può essere ammirata nei poster del Jazz Appreciation Month e in diverse copertine degli album per la label Mack Avenue Records. È il disegnatore del libro illustrato per bambini  Birth of The Cool: How Jazz Great Miles Davis Found His Sound,  in uscita nell’aprile 2019.

Qui alcuni suoi disegni con soggetto jazzistico:

https://photos.allaboutjazz.com/?o=41946

View original post

“IL ROCK E’ MORTO” (a caratteri di scatola). Ed il jazz….

Tracce di jazz

Qualche giorno fa è comparso su di un noto quotidiano un articolo tra il melodrammatico ed il tragicomico dal titolo enfatico che riproduciamo sopra. La sentenza è scolpita qui . Direte: a che pro inoltrarci in una discussione sull’esistenza in vita del rock in un sito che si dedica a musica ben più negletta ed emarginata?
In primo luogo, gli illustri cattedratici che si accingono all’autopsia del cadavere ancora tiepido del rock quasi sicuramente danno per scontato che il jazz sia addirittura un fossile. Intravedo poi una notevole similitudine di argomenti e di abiti mentali alla base di entrambe le sentenze. Infine, non sono di quelli che ritengono che la tortuosa e scolorita linea di confine tra rock e jazz sia un vallo invalicabile: né portiamo rancore ad un enfant terrible come il primo per qualche avanche incestuosa con la musica da cui in fin dei conti è scaturito, siamo…

View original post 1.077 altre parole

NON HO MAI AVUTO UN AQUILONE

Calogero Mazza


Non ho mai avuto un

Aquilone

Neanche uno. Mai.

E quando ero bambino

Non ne ho mai avuto desiderio

Chissà perché. Poi.

Ma adesso che sono cresciuto

Vorrei finalmente volerne uno

Un aquilone

Uno di quelli variopinti

Con le code colorate lunghe

Dal filo così

esteso da essere molto vicino al sole

Ma non tanto da poter bruciare

Solo vicino da poter d’immenso brillare

Non ho mai avuto un aquilone

Ed adesso

Uno ne vorrei avere

Una voce dentro di me

Mi dice

Compralo e fallo volare.

di Calogero Mazza

View original post

VECCHIO PESCATORE

Calogero Mazza

IMG_1608


tratta dal libro Poesie una raccolta nella vita

Con la solitudine
Per compagna
Nella tua barca
Incartapecorito vecchio irsuto
Piegato sulle ossa stenti a reggerti
Ogni giorno
Da una vita
Vai per le acque
Elette a tua dimora
Attendi il primo albore
Dirigi la prua all’orizzonte
Nel blu del tuo migliore amico
Stilita fra le sue onde
Trascorrendo il tuo incanutire
All’imbrunire al molo fai ritorno
Sorseggi il tuo buon vino
Ammirando l’argento proserpineo
Stagliato nell’oceano stellato
Dove domani l’anima
Andrà a navigare.

img_1514   di Calogero Mazza

View original post

Almeno per questi giorni

Calogero Mazza


Il pensiero vola e stamani

si posa su tutti coloro che vivono

in condizioni precarie.

I più deboli.

Quelli che

sopravvivono ai margini del mondo quotidiano.

Gli sconfitti.

Che almeno per questo giorno

possano essere scaldati un po’ i loro cuori.

Che vivano un Natale in calore.

Almeno per questi giorni.

Se proprio il loro

destino debba essere di sofferenza.

Che almeno in questi giorni lo sia

di meno.

Buon Natale a loro.

Prima di tutto.

di Calogero Mazza

View original post

L’albero Pirandelliano

Calogero Mazza


Quell’incantevole pino

Ermo in punta sull’altipiano

Sui fragori del mare

L’alto ciuffo

Non mostra più ormai

Rosicato e strappato

Funerari pennoni di legno

Rimangono

Lastricati

Laddove le tue ceneri

Infine hanno trovato dimora

Maestro conterraneo

Solo il ricordo permane

Se solo

Lo avessimo potuto avere tutt’ora

Avremmo

Magari imitato la tua pace

Lì sotto come te

Invece di mirare

In lontananza

E immaginarti lì seduto

Dove la tua polvere

Si è unita alla tua terra.

Calogero Mazza

tratta dal libro Parole buttate al vento

View original post

La foresta dei violini

nanita

C_2_fotogallery_3088043_11_image Fotografia di Federico Modica

suonavi il tuo violino
come ti avevo chiesto
– desiderio di bimba
esaudito per gioco …
tu non lo sai amore
ma avrei voluto dirti
della neve che cade
sui grandi abeti rossi

là nella Val di Fiemme
dove passeggia ancora
____malinconicamente
il fantasma infelice
del vecchio Stradivari,
di quei monti selvaggi
che furono vulcani
_____chissà in quali ere

forse non ti eri accorto
di come si sciogliesse
la neve del mio inverno
_____a tutte le tue note
di come si fermasse
in quella stanza il tempo.
__e ora scivola candida
ci copre lentamente:

è un bianco che cancella
il mio e il tuo sorriso…
come un sudario scende
______sulle valli straziate
dal vento dell’oblìo
sulle corde toccate
__________dalla felicità.
no, non ci aspettavamo

che fosse così bello
e adesso fa più male
adesso che desidero
anch’io dimenticare
____tutti i violini muti
della nostra foresta
senza…

View original post 39 altre parole

Sogni e Realtà

Il Tiragraffi Di Cleo

I sogni sono parte di noi, alimentano speranze,

nutrono le nostre emozioni, non allontaniamoli

perchè qualcuno ci ha detto che sono impossibili,

ogni sogno ha un percorso, è per arrivare ad una meta

ci sono tanti modi e situazioni.

Basta crederci! è diverso da: Basta, crederci.

Togliamo “la punteggiatura” ai limiti dei nostri sogni!

 

Tra sogni e realtà

 

I tuoi sogni

hanno bisogno di sapere che credi in loro,

che li proteggerai da chi li vorrà rubare,

per paura che tu possa realizzarli

ed essere felice!

 

I tuoi sogni

hanno bisogno di sapere che non rinuncerai a loro

per le difficoltà che incontrerai.

 

I tuoi sogni

hanno bisogno di sapere che non resterai al confine

delle possibilità, ma andrai oltre

aprendo gli occhi verso il cammino della loro nascita.

 

C. Accornero

View original post

Personaggi illustri

Di tutto e niente

Benvenuti a tutti in questo nuovissimo articolo!, di cosa parleremo oggi, vedendo l’immagine molti di voi oppure qualcuno o nessuno riconoscerà questo famoso scrittore, aforista, poeta, drammaturgo, giornalista, stiamo parlando di Oscar Wilde.

Ovviamente vi state chiedendo cosa c’entra oggi un articolo su di lui, semplice oltre a piacermi la storia, i fatti storici e i personaggi che ne fanno parte, oggi esattamente 118 anni fa se non mi sbaglio, moriva Oscar Wilde, nato a Dublino il 16 ottobre 1854, morto a Parigi il 30 novembre 1900.

Per chi non lo conoscesse, vi riporto in seguito, la sua storia, partendo da un celebre aforismo citato da lui e molto piaciuto; “perdona sempre i tuoi nemici, nulla li fa arrabbiare di più”.

Il padre era un famoso medico e scienziato, mentre la madre era una poetessa, primogenito nella famiglia, la coppia ebbe tre figli, il primogenito Oscar Fingal O’Flahertie Wills Wilde…

View original post 434 altre parole

Il Pala Extravagario diventa Alegas Teatro Tenda

Il Pala Extravagario diventa Alegas Teatro Tenda

Alessandria: Tutto pronto per il debutto del teatro tenda di Alessandria, con una novità: la struttura che sarà allestita dal 1 Dicembre al 15 Gennaio presso l’area di Viale Milite Ignoto, si chiamerà Alegas Teatro Tenda.

Schermata 2018-11-30 a 13.03.44

La nuova denominazione è frutto dell’importante partnership che Gruppo Anteprima ha stretto con il Gruppo AMAG e con la sua azienda attiva nella vendita di luce e gas, Alegas.
La multiutility alessandrina ha deciso di sposare il progetto e di sostenerlo come main sponsor, per contribuire ad offrire alla città un prestigioso calendario di eventi che arricchirà l’offerta culturale della provincia di Alessandria, e non solo, rivoluzionando il concetto classico di teatro e sperimentando nuove forme di intrattenimento.

Il progetto è un ritorno all’utilizzo delle strutture come negli anni ‘80, che sopperivano alla mancanza di grossi teatri o palazzetti dello sport.
Il teatro Tenda ha 1900 posti a sedere tra platea e tribune, oltre a un foyeur di ingresso allestito con area bar e area relax. Continua a leggere “Il Pala Extravagario diventa Alegas Teatro Tenda”

Un libro di Bruti Liberati. Come essere obiettivi, senza essere distaccati

Un libro di Bruti Liberati. Come essere obiettivi, senza essere distaccati

Diffondiamo una lettera del prof. Renato Balduzzi.

un lbro Balduzzi Pane-e-giustizia-29-novembre-2018

Alle lettrici e ai lettori di “Pane e giustizia”, una piccola rubrica che con la giornata odierna prende congedo, mi sento in dovere di manifestare la gratitudine per l’attenzione che è stata riservata a questo sforzo.

Nata per scandire l’impegno istituzionale dell’autore in seno al Csm, la rubrica è divenuta in oltre tre anni e mezzo un’occasione per osservare e commentare molti aspetti della vita pubblica del nostro Paese, alla luce di un’ispirazione ideale e culturale coerente con quella del quotidiano ospitante.

Vorrei dunque manifestare sincera gratitudine e amicizia alla direzione di “Avvenire”, con la quale la collaborazione continuerà, in altre forme e su temi ed oggetti non soltanto connessi a “pane e giustizia”. In calce alla rubrica di oggi mi sono permesso un piccolo codicillo proprio su questo punto… Continua a leggere “Un libro di Bruti Liberati. Come essere obiettivi, senza essere distaccati”

Navigo ma non affondo!

SEI UN GENITORE DISPERSO NEL MARE DEL WEB?. EDUCARE ALL’USO DEI MEDIA. L’iniziativa dell’associazione “La forma del cuore”

Navigo ma non affondo!

https://www.okkioallacaccasulweb.it/ un sito dal nome provocatorio, fatto da genitori per condividere con altri genitori, a cominciare dai più sguarniti di competenze informatiche, risorse e informazioni sulla Rete. E iniziative per affascinare i ragazzi con le potenzialità della tecnologia

47146774_1955181167936950_4097726772676657152_n

Acqui Terme: Il nome è provocatorio, facile da ricordare e solo all’apparenza leggero. “C.A.C.C.A. è l’acronimo del metodo con cui abbiamo raccolto il materiale. Sono le cinque categorie di rischio a cui stare all’occhio: CONTENUTI, ATTENZIONE ai possibili effetti sullo sviluppo cognitivo e neurologico, COMPORTAMENTI, CONTATTI, ovvero i rischi legati all’entrare in contatto con persone potenzialmente pericolose, e ACQUISTI, col capitolo su truffe, acquisti inconsapevoli, danni economici”, spiega l’ingegner Paolo Rossetti, professionista del settore informatico, docente all’Università della Svizzera italiana e papà alle prese con tre figli affascinati dal mare magnum di Internet. Continua a leggere “Navigo ma non affondo!”

Borasio. Piazzale Berlinguer: il valore della legalità

Borasio. Piazzale Berlinguer: il valore della legalità

Alessandria: L’articolo comparso sul quotidiano La Stampa nella giornata di ieri (pag. 39) dal titolo ‘Sradicati i nuovi alberi piantati nel piazzale della protesta ecologista’, riporta alcune dichiarazioni del Laboratorio Sociale che lamenta il fatto che i due bagolari piantumati siano stati estirpati.

Paolo Borasio

L’assessore all’Ambiente del Comune di Alessandria, Paolo Borasio, precisa in merito quanto segue:

I due bagolari piantati, in modo illegittimo, nei giorni scorsi sono stati semplicemente rimossi, rinvasati e ricoverati nelle nostre serre comunali. Saranno prossimamente messi a dimora, in luogo idoneo, insieme alle altre cento piante entro dicembre.

Non era possibile mantenerli a piazzale Berlinguer per il fatto che il loro posizionamento ostacolava i lavori da realizzarsi nell’area. Spiace rilevare che nell’articolo non si sia dato spazio alla posizione dell’Amministrazione Comunale che, a riguardo, avrebbe potuto fornire tutte le informazioni del caso, senza alimentare inutili polemiche. Continua a leggere “Borasio. Piazzale Berlinguer: il valore della legalità”

Sozzetti: Alessandria, la ‘nuova’ Alexala lancia la sfida al turismo globale. E farà entrare i casalesi di ‘Mondo’

Alessandria, la ‘nuova’ Alexala lancia la sfida al turismo globale. E farà entrare i casalesi di ‘Mondo’

di Enrico Sozzetti   https://160caratteri.wordpress.com

Alexala

Alexala, agenzia turistica locale della provincia di Alessandria, ha messo a punto il piano triennale 2019 – 2021 e lo ha intitolato in modo semplice e diretto ‘Un percorso di crescita‘ per riassumere una progettualità che si basa su tre pilastri: la promo-commercializzazione dei prodotti turistici, la promozione e la comunicazione, la formazione.

Le novità sono rappresentate dal cambio di passo e di strategia della società consortile guidata dal presidente Pierluigi Prati e dal superamento di una sorta di divisione territoriale, ormai anacronistica in un mondo globalizzato: il consorzio di Casale Mon.D.O (Monferrato Domanda Offerta) confluirà in Alexala. “Quello del turismo – spiega Pierluigi Prati – è un settore industriale e non più per hobbisti, pur di buona volontà.

Per questo era necessario riorganizzare la macchina operativa e il modello gestionale”. Una piccola rivoluzione cui presto si aggiungerà lo sviluppo di progetti strategici condivisi con i Comuni centro zona (almeno due per area) che possano “valorizzare le peculiarità dei territori”. Continua a leggere “Sozzetti: Alessandria, la ‘nuova’ Alexala lancia la sfida al turismo globale. E farà entrare i casalesi di ‘Mondo’”

L’immaginazione può davvero liberare dalla paura

ORME SVELATE

Imagination (Elisabeth Shaffer)
Imagination (Elisabeth Shaffer)

Secondo una ricerca condotta alla Icahn School of Medicine della Mount Sinai University e pubblicata sulla rivista Neuron, immaginare una minaccia può aiutarti a vincere la tua paura di ciò che ti spaventa. Lo studio ha forti implicazioni per il trattamento di ansia e disturbi correlati alla paura. La ricerca si è concentrata sulla differenza tra come la paura è appresa e ignorata. Le persone imparano rapidamente a temere un’esperienza minacciosa o spiacevole, e la paura si ripresenterà quando si percepiranno spunti, come immagini o suoni, associati alla cattiva esperienza. Ciò può avere un impatto negativo sulla qualità della vita e alla base di disturbi emotivi come il disturbo da stress post-traumatico, le fobie e l’ansia. Uno dei modi più efficaci per rimuovere questa paura è quello di provare gli stimoli minacciosi senza poi avere la brutta esperienza, nota come “estinzione della minaccia” o “estinzione dell’apprendimento”. Questo…

View original post 563 altre parole

Album figurine Alessandria 850: Primo appuntamento di ‘scambio doppie’ in Biblioteca Civica

Album figurine Alessandria 850: Primo appuntamento di ‘scambio doppie’ in Biblioteca Civica

scambio Locandina 850 AL Biblioteca civica

Sabato 1° dicembre si svolgerà nelle Sale Rosse della Biblioteca Civica ‘F.Calvo’, dalle 10 alle 12, il primo appuntamento di scambio delle figurine doppie dell’Album ‘Alessandria 850’.

Orari e date dei successivi incontri saranno comunicate in seguito

Per informazioni: tel. 0131.515918 – direzionebca@comune.alessandria.it

Alessandria e i percorsi di integrazione dei richiedenti protezione internazionale

Alessandria e i percorsi di integrazione dei richiedenti protezione internazionale

Approvato il progetto “Il verde del centro città” che prevede il coinvolgimento dei migranti nella pulizia e manutenzione ordinaria delle aiuole e degli spazi verdi

Alessandria_Panorama

La Giunta Comunale di Alessandria, nella seduta odierna, ha approvato una Deliberazione con la quale si intende favorire la realizzazione di percorsi di accoglienza dei migranti che giungono sul nostro territorio, a seguito di invio stabilito — a livello centrale e regionale — quali richiedenti protezione internazionale.

A proporre il testo della Deliberazione, sollecitati dal Sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco, sono stati l’Assessore comunale per i Servizi alla Persona e Politiche sociali, abitative e per la famiglia Piervittorio Ciccaglioni e l’Assessore comunale ai Lavori Pubblici, Patrimonio, Aree verdi, Cimiteri, Welfare animale Giovanni Barosini. Continua a leggere “Alessandria e i percorsi di integrazione dei richiedenti protezione internazionale”

Una notte d’estate, di Antonio Machado. by Elvio Bombonato

Una notte d’estate, di Antonio Machado. by Elvio Bombonato

Antonio Machado, poeta fervido oppositore dei fascismi europei.

AntonioMachado

Una notte d’estate

– stavano aperti il balcone

e la porta della mia casa –

la Morte nella mia casa entrò.

al letto di lei si avvicinò

– neppure mi guardò –

con le sue dita delicate

il filo esile tagliò.

Silenziosa e senza guardarmi,

la Morte di nuovo passò

davanti a me. “Cosa hai fatto?”.                                                                                                          La Morte non rispose.                                                                                                                           La mia bambina rimase tranquilla,                                                                                                   ma il mio cuore si spezzò.                                                                                                                     Ahi, quel che la Morte ruppe                                                                                                                era il filo tra noi due.

(“Campos de Castilla”, 1912; traduzione mia, letterale)

Una noche de verano

—estaba abierto el balcón

y la puerta de mi casa—

la muerte en mi casa entró. Continua a leggere “Una notte d’estate, di Antonio Machado. by Elvio Bombonato”

FIAIP PIEMONTE E ANCI PIEMONTE INSIEME PER LE POLITICHE TERRITORIALI

FIAIP PIEMONTE E ANCI PIEMONTE INSIEME PER LE POLITICHE TERRITORIALI

I Comuni piemontesi utilizzeranno i dati della Federazione agenti immobiliari (Fiaip) in tema di riqualificazione urbana e turismo

 fiaip FOTOfiaip FOTO 3

I Comuni piemontesi potranno fruire delle informazioni aggiornate sul mercato immobiliare e dei dati dell’Osservatorio Fiaip Piemonte (Federazione italiana agenti immobiliari professionali) per indirizzare e supportare le proprie politiche territoriali e abitative. La Federazione italiana agenti immobiliari, infatti ha avviato una collaborazione con Anci Piemonte (Associazione nazionale comuni italiani) che sarà utile anche in tema di turismo e riqualificazione urbana. 

Nei giorni scorsi si è tenuto un incontro a Palazzo di Città tra le due associazioni per approntare un’intesa in materia di valorizzazione e tutela del territorio e del patrimonio immobiliare. L’associazione dei Comuni ha manifestato un forte interesse per le attività della Federazione in particolare per l’Osservatorio immobiliare, considerato come un interessante strumento di analisi del territorio. Continua a leggere “FIAIP PIEMONTE E ANCI PIEMONTE INSIEME PER LE POLITICHE TERRITORIALI”